Chi sono io?

Progetto che ha coinvolto gli studenti della Scuola Formalba di Pomezia

Corsi / Documentario / Laboratori / 2015/2016

Promotore
Associazione Spirit Romanesc Onlus

Ente Finanziatore
Chiesa Valdese - 8 x 1000

  

“Chi sono io?” nasce originariamente come progetto di intervento in realtà scolastiche caratterizzate dalla presenza di studenti “G2”, sigla che in senso stretto indica i soggetti nati in Italia da genitori stranieri o da un genitore straniero e uno autoctono; il significato più esteso indica i soggetti nati in Italia o all’estero ed emigrati in età scolare. La seconda generazione di immigrati costituisce una popolazione ancora nuova per l’Italia, importante, vitale per la costruzione del futuro socioculturale interetnico.
In principio, il progetto “Chi sono io?” si proponeva di affrontare il tema della seconda generazione di immigrati in termini di crescita personale, trasformazione e ricostruzione dell’identità individuale e socioculturale. Il progetto di vita della famiglia migrante, infatti, mette seriamente in discussione l’identità personale e sociale dei minori al suo interno, che spesso si trovano a vivere le dinamiche ambivalenti dell’essere-tra due mondi, con la sensazione, a volte, di non appartenere davvero a nessuno dei due. In bilico tra i modelli sociali familiari e quelli della società di accoglienza, tra il bisogno di emergere e la paura di essere discriminati, spesso scelgono il silenzio, la non espressione di sé.
Con il progetto “Chi sono io?” ci proponevamo pertanto di favorire il bisogno di esprimersi di questa tipologia di studenti, il loro desiderio di valorizzare la propria specificità, di integrarsi e diventare protagonisti della loro vita attraverso l’espressione artistica e il confronto sociale.
La scelta dell’Istituto Superiore di formazione “Formalba” di Pomezia come sede degli interventi progettuali ci ha dato la possibilità non solo di realizzare, ma anche di ampliare gli intenti del progetto originario. Si tratta infatti di una scuola di formazione professionale caratterizzata dalla presenza non solo di studenti G2, ma anche di allievi, perlopiù adolescenti, portatori di disagi socioculturali e affettivi, oppure con disturbi clinici o sociali certificati.

Attività:

  • Laboratorio teatrale – Teatro dell’Oppresso a cura di Ilaria Olimpico
  • Laboratorio scrittura  – Scrittura Autobiografica a cura di Elettra Santori
  • Gruppo di condivisione e ascolto a cura della psicologa Concetta Ricciardi
  • Documentario e attività redazionale a cura dell’Associazione Make Noise

Il documentario che racconta il percorso di crescita degli studenti della scuola Formalba di Pomezia